Ischia, Ciro e Mattias salvi per miracolo. Si sono salvati così..

Posted by Marta Lorenzon on
Ischia, Ciro e Mattias salvi per miracolo. Si sono salvati così..

Viene ormai chiamato “il miracolo di Casamicciola” per il lieto fine che in questa tragedia sono riusciti a compiere i Vigili del Fuoco.

Il terremoto che ha colpito lunedì sera l’isola d’Ischia, ha completamente distrutto la casa dove si trovava la famiglia del miracolo. La prima ad essere estratta da sotto le macerie è stata la mamma, seguita poi dal marito e dal primo fratellino di appena sette mesi.

Da quel momento è iniziata la corsa contro il tempo per recuperare anche Ciro, di 11 anni, e il fratellino Mattias di appena 8. Ci sono volute più di 16 ore di lavoro ininterrotto per i Vigili del Fuoco, ma alla fine anche Ciro ha visto la luce del sole. L’intera famiglia è salva.

Non appena Ciro è stato trasportato in ospedale per i controlli, gli sono state trovate escoriazioni e piccole ferite multiple, con la frattura del terzo metatarso del piede destro. Ma il giovane eroe non ha mai mollato ed è sempre rimasto lucido durante tutti i lavori per soccorrere lui e Mattias.

Ciro ha anche raccontato come si sono salvati.

Quando è crollato tutto ho abbracciato mio fratello e poi, quando sono arrivati i soccorritori, l’ho spinto fuori per primo.

Sono salvi grazie a questo piccolo ma importantissimo gesto fatto da Ciro. Non appena ha sentito le scosse del terremoto, ha abbracciato Mattias e lo ha portato al riparo sotto al letto a castello che avevano nella loro cameretta.

Ciro lo ha tranquillizzato e lo ha tenuto stretto a se fino all’arrivo dei soccorritori. Quando è riuscito, lo ha spinto tra le braccia di chi lo avrebbe salvato, preferendo mettere in salvo prima lui e poi se stesso.

Anticipazioni Il Segreto dal 21 al 27 agosto

Un lungo e commovente applauso ha accompagnato la fine di questo incubo, mentre i Vigili del Fuoco trasportavano il giovane ma coraggioso Ciro verso l’ambulanza. Non sono mancati neanche gli abbracci tra i caschi rossi che senza sosta non hanno mai abbandonato la speranza.

 

Striscia la Notizia, addio Gabibbo: è morto Caldarelli il mimo che lo animava

Posted by editor on
Striscia la Notizia, addio Gabibbo: è morto Caldarelli il mimo che lo animava

Il Gabibbo storico personaggio di Striscia La Notizia

Grande lutto a Striscia la Notizia, è morto Gero Caldarelli, lo storico mimo che ha animato il Gabibbo dal lontano 1990. L’artista è stato stroncato da un male incurabile, nato a Torino  il 24 agosto 1942, aveva frequentato la scuola di mimo del Piccolo Teatro. Per 27 lunghi anni, è stato l’anima interna del pupazzo rosso di Antonio Ricci, con professionalità e competenza, nell’ultimo periodo si faceva saltuariamente sostituire da un suo valido allievo d’arte.

Striscia la Notizia dice addio a Caldarelli

Il telegiornale satirico di Antonio Ricci, deve dire addio allo storico mimo del Gabibbo. Gero Caldarelli se n’è andato all’età di 75 anni. L’artista è morto alla fine di una gravissima malattia, che nell’ultimo periodo lo aveva costretto a farsi anche sostituire da Rocco Gaudimonte, suo allievo da tantissimi anni. Dopo molte esperienze in teatro e televisione, nel 1974 fondò insieme a Maurizio Nichetti la scuola e compagnia di mimo denominata “Quelli di Grock“. Poi dopo cinque anni e precisamente nel 1979 fu protagonista del famoso film Ratataplan.

Gero Caldarelli nei panni del Gabibbo

Il mimo di Striscia la Notizia anche a Drive In

Gero Caldarelli non era nuovo a collaborazioni con Mediaset, infatti aveva già lavorato con Antonio Ricci ai tempi della fortunatissima trasmissione degli anni 80, Drive In nei panni di Gawronski e Pendulus. Nel 1990 fu scelto per interpretare i panni del Gabibbo e lo ha fatto egregiamente e con serietà. Nel 2003 pubblicò il suo libro più conosciuto, ‘Una vita da ripieno‘ (Cronache dall’interno del Gabibbo), poi recentemente ha scritto una raccolta di favole dal titolo ‘Belandi che storie! Tre mega avventure nel mondo dei besughi‘. Col Caldarelli se ne va una fetta di Striscia la Notizia, dopo quasi trent’anni di battaglie all’insegna della legalità e l’interesse dei cittadini. Per rimanere sempre aggiornati su questo argomento e su tutti gli articoli proposti da questo autore, lasciate un vostro like.

 

Tiramisù al limone, da provare assolutamente.

Posted by Ylenia Boscarato on
Tiramisù al limone, da provare assolutamente.

Tiramisù al limone, davvero molto gustoso.

Molte volte si cercano ricette di dolci all’ultimo minuto e devono essere facili e veloci da realizzare.
Oggi vedremo un dolce molto fresco e si tratta del tiramisù al limone.
Adesso vedremo passo passo, i vari ingredienti e il procedimento per realizzarla perfettamente.

 

Ingredienti
300 g savoiardi
500 g mascarpone
2 limoni
3 uova
60 ml limoncello
180 g zucchero
250 ml acqua

 

Procedimento
Per preparare il delizioso tiramisù al limone, per prima cosa si deve preparare la bagna, dove inzuppare i savoiardi.
Su un pentolino vanno messi 250 millilitri di acqua, con 60 g di zucchero e il limoncello.
Aquesto punto va mescolato il tutto, fino a sciogliere lo zucchero.
Separare i tuorli dagli albumi e montare a neve ben ferma quest’ultimi.
Su un’altra bacinella, lavorare per bene i tuorli con lo zucchero.
Aggiungere su questa seconda bacinella, anche il mascarpone, la scorza di un limone e il succo di 2.
Amalgamare il tutto, che dovrà risultare una crema ben omogenea.
Gli albumi montati a neve, vanno aggiunti al mascarpone e ai touorli, preparati in precedenza.
Mescolare molto delicatamente, dal basso verso l’alto, per non far smontare il composto.
Iniziare a inzuppare i savoiardi e disporli in una pirofila.
Formare uno strato di savoiardi e uno di crema.
Ripetere l’operazione per il secondo strato.
Cospargere sulla superficie la scorza del limone gtattuggiato.
Mettere il dolce in frigorifero, per circa un’ora e servire.
Si può benissimo sostituire il limoncello, con del succo di limone, in particolare se ci sono bambini o persone anziane. Quando è il momento di servire il tiramisù, lo si può accompagnare con un po’ di crema al limone, con dei pistacchi e della frutta fresca, idea originale per stupire gli ospiti.
In questo modo oltre ad essere più leggero, si sentirà il limone ancora più intensamente. Questo dolce è perfetto per ogni occasione, per completare il pranzo o la cena nel modo migliore. Lo si può anche gustare a metà pomeriggio, come pausa. Allora cosa aspettate a preparare il tiramisù al limone, sarà sempre molto gradito da grandi e piccoli.