I dolci di Carnevale: le specialità regionali da Nord a Sud

I dolci di Carnevale: le specialità regionali da Nord a Sud

Le chiacchiere: un dolce fritto tipico del Carnevale

Il Carnevale è una festa molto sentita in Italia. E’ una vera e propria istituzione in diverse città del nostro paese! E’ sufficiente pensare al famosissimo Carnevale di Venezia, un raffinato rito collettivo che attrae turisti da tutto il mondo; oppure all’altrettanto noto Carnevale di Viareggio, con la tradizione dei carri in cartapesta che risale alla fine dell’Ottocento.

Trattandosi di una festa di origini popolari, le maschere e i festeggiamenti sono da sempre accompagnati dal consumo di dolci tradizionali. Si tratta per lo più di manicaretti appartenenti alla cucina povera di una volta, in genere fritti.

La cicerchiata: il dolce di Carnevale tipico del Centritalia

Questo dolce tradizionale carnevalesco è originario delle regioni Abruzzo, Marche e Molise, ma si è ampiamente diffuso in Umbria e a Roma. La ricetta base prevede la creazione di piccole sfere di un impasto  a base di “farina, uova, olio d’oliva, zucchero, liquore o succo di limone”; le palline sono poi fritte, immerse nel miele portato in ebollizione e disposte come una montagnola.

In  Umbria, Marche e Lazio (ma anche in Campania) si preparano inoltre le castagnole, palle di pasta fritte e spolverate di zucchero a velo.

Le chiacchiere: conosciute in tutto il territorio italiano

Diffuse su tutto il territorio italiano, da Nord a Sud, le chiacchiere assumono nomi diversi a  seconda della regione  in cui sono preparate. Conosciute sotto vari nomi ( cenci, galani, sfrappole, frappe, grostoli), esse sono dolci fritti e il loro impasto prevede farina, burro e liquore.

Specialità di Carnevale in Sardegna e Sicilia

Anche in Sardegna in occasione del Carnevale non mancano sulle tavole dolci fritti. Oltre alla variante sarda delle chiacchiere e delle castagnole, troviamo i culurgiones de mendulas, “ravioli dolci fritti ripieni di pasta di mandorla”.

In Sicilia le specialità carnevalesche più originali sono i cannoli, onnipresenti nella pasticceria e nelle feste siciliane, e le teste di turco, “un dolce al cucchiaio proprio del comune palermitano di Castelbuono”.


Lascia un commento...

avatar
  Iscirviti  
Notificami
Puoi migliorare la tua esperienza di navigazione dandoci il permesso di utilizzare i dati raccolti per fini pubblicitari. Privacy Policy

X
Questo sito utilizza cookies per raccogliere statistiche anonime e per ricordare le tue scelte.