Nuova tessera elettorale, il cognome del marito affianca quello della moglie: le donne protestano

Un nuova bufera sta prendendo forma in queste ultime elezioni europee, e vede protagonista le molte donne italiane coniugate. I pensieri di preoccupazione e di sdegno arrivano infatti non solo dal nostro paese, ma anche da coloro che risiedono all’estero. Il problema principale è la nuova tessera elettorale che hanno ritirato al momento del rinnovo: accanto al loro nome, compare il cognome del marito.

La segnalazione di Iole Murruni

La prima a segnalare la modifica fatta nella tessera elettorale personale, è stata Iole Murruni, ex presidente del Municipio Valpolcevera di Genova.

Ecco la nuova tessera elettorale. Sono sposata da 35 anni e per la 1^ volta vedo il mio cognome e nome "in" quello del…

Pubblicato da Iole Murruni su Domenica 26 maggio 2019

La donna ha pubblicato la foto della sua tessera elettorale rinnovata con i suoi dubbi a riguardo. Ora non c’è più scritto Iole Murruni, ma Iole Murruni in Petrolati.

La legge italiana

Secondo la legge italiana, così com’è specificato nel Dpr 299 del 2000, la moglie ha la possibilità di richiedere l’aggiunta del cognome del marito affiancato al suo. Si parla di possibilità e non di obbligo, infatti fino a quest’anno la stampa base delle tessere elettorali non prevedeva il cognome del coniuge. Cos’è cambiato? Questo è quello che si chiedono le molte donne che stanno protestando su queste nuove direttive date probabilmente dal Viminale stesso. Da oggi infatti, la stampa base delle tessere elettorali prevede già la presenza del cognome del marito, e la moglie dovrà quindi fare richiesta per toglierlo.

Colpe del ministro dell’Interno?

A puntare il dito contro il leader della Lega Matteo Salvini, sono in molti, che lo vedono come il promotore di questa nuova direttiva. A confermare questa idea sembra essere stata l’ambasciata italiana presente a Bruxelles, contattata da una elettrice residente all’estero riguardo la questione. “Nessun cambio di cognome è stato effettuato e lei resta con il suo nome“. Si legge nella risposta data a Michela Palladino, per poi aggiungere: “per queste elezioni il ministero degli Interni ha stampato anche il nome dei coniugi sui certificati elettorali”.

Alle molte domande sulla questione che sono arrivate in Viminale, non è stata data ancora risposta, e vige il più totale silenzio.

Lascia un commento...

avatar
  Iscirviti  
Notificami