Alla scoperta di Potenza: proposta di un itinerario turistico

 

Potenza è il capoluogo della Basilicata. Collocata a 819 m di altitudine, ha conservato abbondanti tracce della sua storia millenaria. Per esempio, conserva importanti reperti risalenti all’età romana ed è stata nel Medioevo una roccaforte longobarda.

Questa città è stata nel corso dei secoli devastata più volte dai terremoti. Tuttavia l’attaccamento alla propria terra  e l’ostinazione dei suoi abitanti le ha permesso ogni volta di risollevarsi.

Il centro storico di Potenza

E’ una vera e propria immersione nel passato passeggiare nel centro storico della città di Potenza. La parte più antica si trova nel punto più in alto e può essere raggiunta anche grazie all’ausilio di scale mobili. Un tocco di modernità che consente anche ad anziani e disabili di esplorare il centro storico della città.

Le mura e le porte d’ingresso risalgono al Medioevo, ma il punto nevralgico del centro storico è senza dubbio piazza Mario Pagano. Qui si può ammirare il teatro neoclassico intitolato al compositore Francesco Stabile, che dal 1881 anima la vita culturale cittadina.

La cattedrale di San Gerardo e la chiesa di San Michele Arcangelo

La cattedrale di San Gerardo è stata riedificata più volte a causa dei terremoti che nei secoli hanno funestato Potenza. Fino al XII secolo la cattedrale era dedicata alla Beata Vergine Assunta. Tra il XII e il XIII secolo avviene la sua dedica a San Gerardo, il patrono della città. Al santo si attribuisce la miracolosa liberazione di Potenza dai turchi.

La chiesa di San Michele Arcangelo è probabilmente di origine longobarda; presso i longobardi era infatti molto diffusa la venerazione per questo arcangelo. Infatti è stato proprio questo battagliero popolo barbaro ad attribuire al santo una iconografia guerriera. Si tratta di una chiesa romanica, al cui interno si può ammirare una splendida tela dell’Annunciazione (1612) del pittore lucano Giovanni de Gregorio. Notevole è inoltre una scultura lignea che raffigura san Michele Arcangelo.

Lascia una recensione

Please Login to comment
  Subscribe  
Notificami