Ergastolo per Ruotolo, è lui l’assassino di Teresa e Trifone

Ho provato pena per lui. Prima della lettura della sentenza avevo chiesto a Dio di darmi la forza di perdonarlo. Il Signore mi ha accontentato, mi ha fatto perdonare. Ero certa che avesse ucciso Trifone e Teresa ma non provavo più odio. Ora siamo tranquilli perché è stata fatta giustizia umana ed è molto importante.

Queste le parole di Eleonora Ferrante, la mamma di Trifone, dopo la condanna di Giosuè Ruotolo, ex militare di 28 anni.

Abbiamo avuto giustizia ma nostra figlia non tornerà mai. Non avremo mai pace. Un ergastolo non potrà mai lenire il nostro dolore. Ma almeno sappiamo quello che è successo. E un assassino è in carcere.

Aggiungono anche i genitori di Teresa, Rosario e Carmelina.

Ruotolo è stato condannato al carcere a vita per aver ucciso la coppia di fidanzati di Pordenone. Una notizia che ha sconvolto l’Italia intera il 17 marzo 2015, quando sono stati ritrovati i corpi senza vita dei due fidanzati all’interno della loro macchina. Trifone e Teresa sono stati uccisi da sei colpi di pistola a distanza ravvicinata. Il killer ha colpito prima Ragone, originario di Adelfia (Bari), mentre stava salendo nel veicolo, per poi colpire anche Costanza, siciliana. Avevano appena 28 e 30 anni.

Un senso di soddisfazione professionale per il lavoro svolto, ma non di soddisfazione umana. Non possiamo essere felici per una sentenza che vede condannato all’ergastolo un ragazzo di neanche 30 anni per delitti che riguardano due persone offese praticamente coetanee. Ruotolo non va assolutamente mostrificato.

Queste le parole del pm Pier Umberto Vallerin.

Una storia che non ha un lieto fine, con tre giovani vite rovinate per sempre, insieme a tutte quelle delle loro famiglie.

Clown Killer arrestato