Napoli: 57enne si lancia nel vuoto da un palazzo in fiamme

Marta Lorenzon - Pubblicato il: 16 Ottobre 2017

iv align="center">

Una tragica notizia quella che si legge nei giornali accaduta questa mattina a Napoli. Erano le 4:30 di domenica 15 ottobre quando un palazzo in fiamme è stato notato in zona del Borgo di Sant’Antonio Abate.

A far parlare di questa tragedia, non solo le fiamme che hanno spaventato gli abitanti della zona e causato danni agli edifici, ma anche un gesto compiuto da una 57enne. Una donna di nazionalità russa, residente al terzo piano dell’edificio in questione, si è lanciata nel vuoto per scappare dalla tragedia. La donna si è provata ad aggrappare sul terrazzo della sua stanza mentre aspettava l’arrivo dei soccorsi, ma non ce l’ha fatta. E’ caduta dal palazzo in fiamme nel tentativo disperato di salvarsi, morendo nell’impatto.

Guarda anche: Sirene Rai 1

A rallentare l’arrivo dei soccorsi anche le ridotte dimensioni dei vicoli e dalle auto in sosta, spesso parcheggiate in mezzo alla strada, che hanno dato problemi per il passaggio del camion dei Vigili del Fuoco.

Non sono ancora note le cause che hanno fatto divampare l’incendio, non si sa come mai il palazzo in fiamme non è stato notato subito.

Nella zona del Borgo di Sant’Antonio Abate, le case sono state costruite l’una di fianco all’altra, così facendo le fiamme hanno interessato ben 4 appartamenti. Sono state 18 invece le abitazioni sgomberate per sicurezza, e tre le persone intossicate dai fumi.

La Protezione Civile sta ancora cercando una sistemazione ai 18 nuclei familiari, mentre i Vigili del Fuoco indagano per scoprire le cause scatenanti, interrogando i testimoni.