Latina, sorprende i ladri e spara: muore uno dei malviventi

Suona l’allarme, il figlio corre a casa dei genitori per assicurarsi fosse tutto okay, ma si ritrova faccia a faccia con i ladri. L’uomo spara e colpisce a morte uno di loro. E’ accaduto a Latina, nel quartiere residenziale Morbella.

Erano appena le 16:30 del pomeriggio quando è scattato l’allarme della casa dei genitori di Francesco Palumbo, avvocato di 47 anni. I coniugi fortunatamente non erano in casa, così l’uomo ha preferito controllare personalmente l’abitazione per assicurarsi fosse tutto okay.

Non appena giunto sul posto, ha trovato un uomo a fare da “palo” di fronte all’abitazione. Non appena quest’ultimo ha notato la presenza dell’avvocato Palumbo, lo ha esortato ad andarsene poichè stavano rubando nella casa. Senza farselo ripetere due volte il 47enne ha estratto la pistola, posseduta tramite regolare porto d’armi. Palumbo ha ordinato al ladro di andarsene, ma è stato proprio in quel momento che i due complici sono usciti dall’abitazione.

I ladri hanno assistito alla scena ed uno dei due ha portato la mano in tasca. L’avvocato, per la paura di vedere estrarre una pistola, ha sparato parecchi colpi per intimorirli. Il 47enne ha voluto precisare che i 7-8 colpi sparati non avevano alcuna intenzione di uccidere, ma un proiettile ha purtroppo colpito il torace di uno dei malviventi.

Italia più morti inquinamento

I vicini, sentiti gli spari, hanno chiamato immediatamente le Forze dell’Ordine. Una volta giunti sul posto anche i soccorsi, hanno potuto solo constatare il decesso di uno dei ladri, un 41enne napoletano.

I due complici sono fuggiti e tutt’ora ancora irreperibili, mentre la posizione del 47enne è al vaglio degli investigatori.