Finto neo come allarme per il cancro

Certo, è ancora in fase di studio e probabilmente dovremo aspettare ancora una decina di anni prima di vederlo nella nostra pelle, ma è una scoperta che può fare davvero la differenza. Stiamo parlando di un finto neo posizionato sotto la nostra pelle, che ci allarma in caso di presenza di un tumore. Questo campanello d’allarme suonerebbe prima di quanto potrebbero fare eventuali sintomi, ecco la notizia!

Come funziona? Secondo le ricerche, un dato fondamentale durante la presenza di uno dei quattro cancri più diffusi, è l’aumento di calcio nel sangue. Il cancro infatti, attacca le nostre ossa facendo disperdere così il calcio. Questo neo artificiale è programmato per scurirsi, e quindi rendersi visibile sulla nostra pelle, in caso percepisca l’aumento di questo valore.

primo trapianto testa

Sviluppato dai ricercatori del Politecnico Federale di Zurigo (Svizzera), è stato già testato su alcuno topi da laboratorio. Alcuni di loro aveva sviluppato alcuni dei tumori caratteristici: al seno, prostata, colon e polmoni. Il finto neo sottopelle si è scurito solo sui topi che soffrivano di queste malattie, mentre in quelli sani è rimasto “invisibile”.

Da puntualizzare in questo caso che non è detto che il neo si renda visibile solo in caso di cancro. Molti problemi non mortali e sicuramente meno preoccupanti, possono aumentare il livello di calcio nel nostro sangue. Nonostante tutto però, questo nuovo sistema potrebbe davvero fare la differenza nella prevenzione contro il cancro.

Purtroppo i tempi di attesa perché questo finto neo venga rilasciato, sono ancora molto lunghi, e la sua durata è breve. Per ora ogni sei mesi andrebbe cambiato con uno nuovo, e reimpiantato sotto la nostra pelle.
Può però considerarsi un grande passo avanti per una malattia che continua a fare molte vittime.

Per saperne di più: Focus.it