Francesco Nullo: il patriota italiano amato anche in Polonia

Quando si pensa ai romantici eroi del passato, vengono in mente figure come quella del britannico Lord Byron o del marchese Lafayette. Lord Byron infatti morì nel 1924 in Grecia, dove appoggiò la guerra d’indipendenza contro l’impero ottomano. Lafayette, invece, ancora prima che alla rivoluzione francese partecipò attivamente alla rivoluzione americana, alla guida di “un proprio corpo di spedizione”.

Anche l’Italia in realtà vanta  personaggi storici che compirono atti eroici in nome della libertà anche in altri paesi. Basta pensare a Giuseppe Garibaldi, conosciuto  anche come “l’eroe dei due mondi”! Tra i patrioti italiani che si distinsero all’estero per il loro valore c’è sicuramente il bergamasco Francesco Nullo.

Francesco Nullo e il Risorgimento

Nato a Bergamo nel 1820, la sua è una famiglia di commercianti. Partecipa con due fratelli alle Cinque giornate di Milano, tra il 18 e il 22 marzo 1848. Dopo  aver militato sotto il comando del colonnello Angelo Masina durante la Repubblica Romana, si unisce ai garibaldini, che provavano a raggiungere Venezia.

Soldato e imprenditore

Rientrato nel bergamasco, Francesco Nullo si dedica all’imprenditoria, fondando nel 1857 la ditta Francesco Nullo & C. Nonostante il successo della sua impresa, Nullo scelse di partecipare anche alla seconda guerra di indipendenza, distinguendosi nella liberazione di Bergamo avvenuta nel 1859. Appassionato patriota, si fece notare anche nella spedizione in Sicilia e nella presa di Reggio Calabria.

Eroe italiano e polacco: Francesco Nullo in Polonia

Nel 1863, dopo una serie di vicissitudini, si reca in Polonia per collaborare attivamente con il Comitato rivoluzionario polacco: la Polonia provava infatti a liberarsi dal pesante giogo della Russia zarista. Nominato generale dal governo rivoluzionario polacco, morì il 5 maggio 1863. Fu seppellito nel cimitero di Olkusz.

Ancora oggi in Polonia il nostro conterraneo Francesco Nullo è ricordato come un eroe nazionale, e ciò ha contribuito a consolidare i rapporti tra il nostro paese e la Polonia.

 

0 0 vote
Article Rating

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments