“Il cielo sopra Berlino”: un capolavoro di Wim Wenders

“Il cielo sopra Berlino”: un capolavoro di Wim Wenders

Un fotogramma del film del 1987 "Il cielo sopra Berlino", diretto da Wim Wenders.

Nel 1987 esce nelle sale il film Il cielo sopra Berlino, diretto dal regista e produttore cinematografico tedesco Wim Wenders. Nel cast il bravissimo Bruno Ganz e un inedito Peter Falk, l’interprete del personaggio del tenente Colombo. Una piccola parte ha nel film inoltre il musicista australiano Nick Cave.

La pellicola si accaparra nello stesso anno il premio per la miglior regia al Festival di Cannes.

Il successo e la bellezza di questo film dipendono dalle sue peculiari caratteristiche, che gli donano una raffinata originalità.

Gli angeli e la metropoli

Il cielo sopra Berlino ha come protagonisti due angeli, Damiel e Cassiel. I due angeli vagano nella città di Berlino (siamo negli anni Ottanta), invisibili all’uomo. Vegliano silenziosamente sull’umanità intristita che vive nella città.

Uno dei due tuttavia sceglierà, per amore,  di restare sulla terra e di sperimentare il dolore e la difficoltà di vivere dell’essere umano.

Il muro di Berlino come appare oggi, nel 2019.

L’ambientazione: Berlino Ovest

Il cielo sopra Berlino è ambientato a Berlino Ovest e ha indubbiamente assorbito la particolare aria che si respirava in Germania in quel periodo.

Dopo solo due anni dal’uscita dal film si avrà infatti la caduta del Muro di Berlino (edificato nel 1961) e nel 1990 la riunificazione ufficiale delle due Germanie. Germania Est e Germania Ovest erano infatti politicamente separate dal 1949.

Un intenso primo piano del poeta austriaco Rainer Maria Rilke. Le sue poesie hanno ispirato Wim Wenders durante le riprese del film Il cielo sopra Berlino.

Il cielo sopra Berlino e Rainer Maria Rilke

Mentre girava il film Il cielo sopra Berlino Wim Wenders stava leggendo l’opera del poeta austriaco Rainer Maria Rilke, in cui non è infrequente il riferimento agli angeli.

In particolare nelle Elegie duinesi (1923) Rilke si sofferma sulla degradazione della natura a causa della barbarie tecnologica e sulla aridità della vita nelle metropoli, dominate dalla fretta e dal materialismo.

Il cielo sopra Berlino: un copione aperto

Per sua stessa ammissione, Wim Wenders non aveva un copione ben preciso quando iniziò a girare Il cielo sopra Berlino. Il premio Nobel 2019 Peter Handke, scrittore e regista austriaco, gli scrisse alcuni dialoghi e parte dei testi, contribuendo così al successo del film.

La pellicola, restaurata, è tornata nelle sale cinematografiche il 4 e il 5 novembre 2019.

 


Lascia un commento...

avatar
  Iscirviti  
Notificami