La nonna d’Italia: vive nelle Langhe la donna più anziana d’Italia

La nonna d’Italia: vive nelle Langhe la donna più anziana d’Italia

Si potrebbe definire metaforicamente la nonna degli italiani l’ultracentenaria Erminia Bianchini Defilippi. L’arzilla vecchietta piemontese ha infatti compiuto il 23 aprile ben 112 anni, meritandosi il titolo di decana d’Italia.

L’anno della sua nascita, il 1908, vede la pubblicazione del romanzo Il figlio del Corsaro Rosso; al contempo la Fabbrica italiana automobili Legnano produceva la Fial Tipo A 6/8 HP. A Torino è già stata portata l’elettricità, ma probabilmente questa nuova comodità non era ancora giunta al suo paese di origine, Rocchetta Belbo.

Tanta festa per la nonna d’Italia

A causa delle restrizioni alla vita sociale dovute alla diffusione del coronavirus in Italia, i festeggiamenti sono stati modesti. La signora Erminia ha festeggiato sobriamente insieme alla figlia; non vive infatti da sola. La decana d’Italia ha naturalmente ricevuto gli auguri ufficiali da parte dei “sindaci di Bra, di Cossano Belbo e di Diano d’Alba”, i paesi piemontesi in cui ha trascorso e trascorre la sua esistenza.

Nonna Erminia compie 112 anni, è la donna più anziana d’Italia: “Ma va, sono la più vecchia”

Qualche notizia su Erminia

L’ultracentenaria Erminia non dà molto peso alla pandemia di corona virus che ha stravolto le abitudini del mondo intero e ha messo in crisi il mercato internazionale. Del resto l’arzilla signora ha già affrontato ben due guerre mondiali;  inoltre all’età di dodici anni si è trovata nel bel mezzo di una epidemia di influenza spagnola. Influenza che devastò l’Europa dal 1918 al 1920. In quel periodo la dodicenne Erminia, oltre a occuparsi dei suoi fratellini, portava il cibo ai vicini di casa ammalati, nonostante il forte rischio di ammalarsi.

La signora Defilippi ha sposato nel 1931 Luigi Fazio, di professione contadino: un matrimonio durato fino al 2004, anno in cui il marito è morto. Dalla loro felice e duratura unione sono nati quattro figli: “Remigio, Ilaria, Anna Maria e Ninfa”. Infine Erminia è sempre stata sorretta da una fede cristiana salda e forte, che ancora oggi la accompagna nella delicata fase della vita che è la grande vecchiaia.

 


Lascia un commento...

avatar
  Iscirviti  
Notificami
Puoi migliorare la tua esperienza di navigazione dandoci il permesso di utilizzare i dati raccolti per fini pubblicitari. Privacy Policy

X
Questo sito utilizza cookies per raccogliere statistiche anonime e per ricordare le tue scelte.