Pesci Rossi Abbandonati, ecco cosa succede!

Pesci Rossi Abbandonati, ecco cosa succede!

Freshwater Fish Group & Fish Health Unit Claire Raggatt claire@kaylaitsines.com Public Relations Assistant www.kaylaitsines.com

Il pesce rosso se tenuto in un piccolo spazio rimarrà sempre piccolo, ma in uno spazio più grande potrà crescere e anche di tanto, infatti può triplicare o anche quadruplicare la sua grandezza! Frase di Ewan Mc Gregor nel film Big Fish di Tim Burton realizzato nel 2003, ed è tuto vero!

Infatti gli innocui pesciolini rossi hanno la possibilità di crescere e raggiungere notevoli dimensioni, addirittura “mostruose” se lasciati vivere nelle acque aperte di un grande fiume con la causa che esso può essere un problema per l’ecosistema circostante.

In Austrialia alcuni ricercatori del Centre of Fish and Fisheries della Murdoch University hanno tenuto sotto controllo per oltre un decennio la vita dei pesci rossi nel fiume Vasse per poi aver pubblicato lo studio sulla rivista Ecology of Freshwater Fish.

“Crediamo che sia una questione molte importante, le persone lasciano tranquillamente in acqua i propri animali domestici che non sono più desiderati senza però tenere conto dei possibili danni che possono provocare” Ci spiega Stephen Beatty a Mashable, uno dei ricercatori.

Forse non tutti lo sanno ma i pesci rossi sono onnivori e come tali si nutrono di tutto ciò che sia commestibile, facendo razzia di ogni cosa sia alla loro portata compresi piccoli pesci e le loro uova, oltre che alle varie vegetazioni che si trovano nei fondali.

Ebbene nel fiume Vasse è stato trovato dai ricercatori un pesce rosso che pesava ben 1,9 kg che è stato capace di nuotare per una distanza di 230 km in un anno, numeri impressionati per un normale pesce rosso.

Il dottor Beatty e i suoi colleghi che hanno portato avanti questa ricerca ritengono che in questo caso la miglior cura sia la prevenzione, evitando così di sbarazzarsi dei propri pesci domestici nei luoghi naturali, evitando così che essi possano diventare nocivi per l’ecosistema locale.

 


Lascia un commento...

avatar
  Iscirviti  
Notificami