Siviglia: va in ospedale per partorire ma muore tagliata in due dall’ascensore

Marta Lorenzon - Pubblicato il: 22 Agosto 2017

Ha dell’incredibile e dell’assurdo la storia di Rocío Cortés Núñez, 25enne originaria di Dos Hermanas, vicino a Siviglia. La giovane era andata in ospedale per dare alla luce la sua terza figlia, ma è morta tagliata in due dall’ascensore.

Sembra quasi la trama di un film horror, uno dei peggiori se consideriamo i tre bambini e il marito che ora rimarranno senza una madre e la moglie. Rocìo quel giorno si è recata all’ospedale Varme per dare alla luce la sua terza figlia, ma è subito dopo il parto che è accaduto l’inverosimile.

La donna è stata trasportata in barella in ascensore, dove dal secondo piano avrebbe dovuto raggiungere il terzo. Era appena uscita dalla sala parto e la famiglia la aspettava nella sua stanza in ospedale. Il malfunzionamento dell’impianto ha fatto si che l’ascensore si chiudesse prima che la donna fosse totalmente entrata, tagliandola così in due.

A nulla sono valsi i soccorsi alla 25enne morta all’istante. Ben due ore ci sono volute per estrarre il corpo senza vita della madre dalla cabina.

La famiglia e la città di Siviglia è sconvolta per l’accaduto, e ancora incredula di come una giornata di festa possa essersi trasformata in una tale tragedia.


loads/2017/08/2627877_Schermata_2017-08-21_alle_12_56_49.jpg 660w" sizes="(max-width: 300px) 100vw, 300px" />

Anticipazioni Il Segreto dal 21 al 27 agosto

In questa notizia davvero terribile c’è un’unica nota positiva, se così si può definirla. La piccola bambina appena nata infatti, a causa di un problema cardiaco è stata immediatamente trasferita in un altro ospedale. Proprio come dicono i parenti di Rocìo, sembrerebbe che questo problema le abbia salvato la vita. I bambini sono soliti rimanere sul seno della madre non appena nati, ed in quel caso avrebbe accompagnato Rocìo nella sua triste fine.

La famiglia ha immediatamente sporto denuncia in tribunale all’ospedale, perchè come ha detto il marito della donna:

 oggi è toccato a lei, ma domani potrebbe capitare a un’altra persona.

Malasanità: a Napoli muore un 23enne dopo 4 ore di attesa in codice rosso