Alitosi: come prevenire questo fastidioso disturbo del cavo orale

Siamo bombardati dalla pubblicità di dentifrici sbiancanti, rinfrescanti e salva-gengive; dalle reclame di collutori super efficienti che eliminano la quasi totalità dei batteri presenti in bocca. Si trovano in commercio spazzolini di ogni genere, e quelli elettrici sono diventati un prodotto alla portata di tutte le tasche.

E di certo non mancano nel nostro paese i medici odontoiatri. Tuttavia, secondo la fondazione Veronesi, in Italia aumentano non solo i casi di carie, ma anche quelli di alitosi.

Cosa è l’alitosi

L’alitosi è il persistere nel cavo orale di alito “cattivo”, cioè sgradevole. Esso si forma a causa di “processi di decomposizione batterica che sviluppano composti volatili dello zolfo”.

L’alito cattivo si riscontra in presenza di stati patologici transitori come la febbre, e può essere sintomo di reflusso. Nella maggior parte dei casi è dovuto a problemi che riguardano la dentatura e le gengive.

Oppure semplicemente dipende dall’alimentazione che si segue. Se nella dieta sono spesso presenti aglio o cipolla, inevitabilmente il nostro alito non saprà di rose.

Come prevenire l’insorgere di questo fastidioso disturbo

Per prevenire la formazione dell’alitosi occorre innanzitutto rispettare un buona igiene del cavo orale e recarsi dal dentista per effettuare controlli ciclici.

In secondo luogo si dovrebbe smettere di fumare e ridurre il consumo di bevande alcoliche; infatti il fumo riduce la fluidità della saliva, soprattutto in associazione alle bevande alcoliche.

Sarebbe poi il caso di inserire nella dieta frutta e verdura, ancora più benefiche se consumate crude. Si consiglia inoltre di bere molta acqua e di “masticare bene e a lungo”: prendiamoci dunque il tempo necessario per consumare i pasti!

Alimenti e tisane che aiutano a contrastare l’alitosi

Giovano alla freschezza dell’alito le erbe aromatiche (salvia, rosmarino, menta, timo e basilico) e lo yogurt magro. Vegetali rinfrescanti sono inoltre “il sedano, le zucchine, l’uva, le carote, i cetrioli e il limone”.

Utili a prevenire i fastidi legati alla digestione, e tra questi anche l’alitosi, troviamo infine le cosiddette “tisane carminative”, a base di finocchio o anice, da bere amare a fine pasto.

 

0 0 vote
Article Rating

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments