Annullato incontro con giornalista Mediaset: definisce l’omosessualità una malattia

momisunflower - Pubblicato il: 27 Febbraio 2019

Annullato l’incontro con la giornalista Mediaset Nausica Della Valle poichè “in contrasto con i principi educativi che Città Studi tenta di diffondere e sostenere, tra cui quelli di tolleranza e accettazione dell’altro“. Questa la motivazione data dall’Università di Biella per aver cancellato la presentazione del libro di Della Valle previsto per il 2 marzo prossimo.

La famosa giornalista delle reti Mediaset, da tempo tiene delle conferenze in cui parla del suo “ritorno all’eterosessualità“. Sempre insieme a lei, c’è il libro scritto dalla donna dal titolo “Perchè non sono più lesbica“. In quelle pagine la giornalista spiega com’è riuscita a “guarire” dall’omosessualità. Parole, quelle pronunciate più volte da Della Valle, che hanno lasciato esterrefatti i molti esponenti della comunità LGBT+, che hanno chiesto al direttore dell’Università di Biella di sospendere l’incontro.

“L’omosessualità è un inganno di Satana”

Nausica Della Valle, in molte stazioni radio e testate giornalistiche, ha raccontato la sua esperienza. A far scatenare la bufera mediatica, è stata la sua definizione dell’omosessualità, definita come una malattia dell’anima


e un inganno di Satana.

https://newslandia.it/la-foto-che-commuove-il-web-anziano-che-culla-il-bambino/

La giornalista afferma di essere stata “guarita” dalla sua omosessualità, è che sia stato proprio Dio a salvarla e a portarla nella “retta via”. “L’omosessualità è un peccato“, continua la Della Valle, parlando di “liberazione” e affermando che nella Bibbia non ci sia alcun punto in cui si attesta la creazione degli omosessuali da parte di Dio.

La richiesta della comunità LGBT+

Non appena la comunità LGBT+ è venuta a conoscenza dell’incontro previsto con Della Valle all’università di Biella, ha subito avanzato una richiesta al direttore dell’istituto. “Riteniamo che simili idee contribuiscano allo stigma e al pregiudizio nei confronti delle persone LGBT+ (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali)“. Afferma la comunità nel post di denuncia per quanto accaduto. “Oltretutto,” continua, “si posizionano in contrasto con tutta la letteratura scientifica. Dall’omosessualità non si può guarire perché non è una malattia. È una variante naturale del comportamento umano’’.

Il direttore dell’Università di Biella ha così scelto di cancellare l’incontro con Nausica Della Valle, ma le polemiche non sembrano volersi fermare.