Annullato incontro con giornalista Mediaset: definisce l’omosessualità una malattia

Condividi

Annullato l’incontro con la giornalista Mediaset Nausica Della Valle poichè “in contrasto con i principi educativi che Città Studi tenta di diffondere e sostenere, tra cui quelli di tolleranza e accettazione dell’altro“. Questa la motivazione data dall’Università di Biella per aver cancellato la presentazione del libro di Della Valle previsto per il 2 marzo prossimo.

La famosa giornalista delle reti Mediaset, da tempo tiene delle conferenze in cui parla del suo “ritorno all’eterosessualità“. Sempre insieme a lei, c’è il libro scritto dalla donna dal titolo “Perchè non sono più lesbica“. In quelle pagine la giornalista spiega com’è riuscita a “guarire” dall’omosessualità. Parole, quelle pronunciate più volte da Della Valle, che hanno lasciato esterrefatti i molti esponenti della comunità LGBT+, che hanno chiesto al direttore dell’Università di Biella di sospendere l’incontro.

“L’omosessualità è un inganno di Satana”

Nausica Della Valle, in molte stazioni radio e testate giornalistiche, ha raccontato la sua esperienza. A far scatenare la bufera mediatica, è stata la sua definizione dell’omosessualità, definita come una malattia dell’anima e un inganno di Satana.

https://newslandia.it/la-foto-che-commuove-il-web-anziano-che-culla-il-bambino/

Lascia un like...

La giornalista afferma di essere stata “guarita” dalla sua omosessualità, è che sia stato proprio Dio a salvarla e a portarla nella “retta via”. “L’omosessualità è un peccato“, continua la Della Valle, parlando di “liberazione” e affermando che nella Bibbia non ci sia alcun punto in cui si attesta la creazione degli omosessuali da parte di Dio.

La richiesta della comunità LGBT+

Non appena la comunità LGBT+ è venuta a conoscenza dell’incontro previsto con Della Valle all’università di Biella, ha subito avanzato una richiesta al direttore dell’istituto. “Riteniamo che simili idee contribuiscano allo stigma e al pregiudizio nei confronti delle persone LGBT+ (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali)“. Afferma la comunità nel post di denuncia per quanto accaduto. “Oltretutto,” continua, “si posizionano in contrasto con tutta la letteratura scientifica. Dall’omosessualità non si può guarire perché non è una malattia. È una variante naturale del comportamento umano’’.

Il direttore dell’Università di Biella ha così scelto di cancellare l’incontro con Nausica Della Valle, ma le polemiche non sembrano volersi fermare.

Condividi

Partner links