James McCune Smith: il primo medico afroamericano

Oggi si dà per scontato che persone di ogni etnia riescano ad accedere alla qualifica di medico. Ciò avviene naturalmente anche negli Stati Uniti d’America, anche se gli studi universitari sono in quel paese particolarmente costosi e non sono accessibili a tutti.

Ma, a titolo di curiosità, vi siete mai chiesti chi è stato il primo medico afroamericano? Ebbene, il suo nome è James Mccune Smith e ci apprestiamo a raccontare in breve la storia di questa eccezionale figura.

James McCune Smith: da schiavo a studente universitario

Nato schiavo il 1813 a New York, James McCune Smith ottenne la libertà nel 1827, all’età di 14 anni. A questa data risale infatti  l’abolizione della schiavitù da parte dello stato di New York.

Studente eccezionalmente brillante, godette della protezione del reverendo Peter Williams. Il suo mentore non è una persona qualunque; si tratta infatti del secondo pastore di colore ordinato nella Chiesa episcopale. Il reverendo Williams manifesta molta fiducia nell’ingegno del giovane James. Sarà lui, insieme ad altri abolizionisti, a finanziare gli studi universitari del ragazzo.

Il riscatto dell’istruzione

Il giovane James McCune Smith riesce pertanto, grazie ai suoi finanziatori, a frequentare con profitto l’Università di Glasgow in Scozia. La scelta di questa parte d’Europa non è casuale; infatti Scozia e Inghilterra avevano abolito la schiavitù nel 1833.

Nel 1837 diviene ufficialmente medico, si perfezionerà successivamente a Parigi e fece la difficile scelta di fare ritorno in patria. In America si era infatti ben lontani dall’uguaglianza di diritti tra “bianchi e neri”.

James McCune Smith  raggiunge il successo

Grazie alla professione medica James McCune Smith riuscì a raggiungere una buona posizione sociale ed economica. Divenne proprietario di un buon immobile,dove viveva con la moglie i quattro figli;  la famiglia aveva anche assunto una domestica e si era ben inserita tra gli americani “bianchi”. Nel 1963 i McCune Smith si trasferiscono a Brooklyn, città in cui l’illustre medico morì nel 1965.

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments