Striscia la Notizia, addio Gabibbo: è morto Caldarelli il mimo che lo animava

Grande lutto a Striscia la Notizia, è morto Gero Caldarelli, lo storico mimo che ha animato il Gabibbo dal lontano 1990. L’artista è stato stroncato da un male incurabile, nato a Torino  il 24 agosto 1942, aveva frequentato la scuola di mimo del Piccolo Teatro. Per 27 lunghi anni, è stato l’anima interna del pupazzo rosso di Antonio Ricci, con professionalità e competenza, nell’ultimo periodo si faceva saltuariamente sostituire da un suo valido allievo d’arte.

Striscia la Notizia dice addio a Caldarelli

Il telegiornale satirico di Antonio Ricci, deve dire addio allo storico mimo del Gabibbo. Gero Caldarelli se n’è andato all’età di 75 anni. L’artista è morto alla fine di una gravissima malattia, che nell’ultimo periodo lo aveva costretto a farsi anche sostituire da Rocco Gaudimonte, suo allievo da tantissimi anni. Dopo molte esperienze in teatro e televisione, nel 1974 fondò insieme a Maurizio Nichetti la scuola e compagnia di mimo denominata “Quelli di Grock“. Poi dopo cinque anni e precisamente nel 1979 fu protagonista del famoso film Ratataplan.

Gero Caldarelli nei panni del Gabibbo

Il mimo di Striscia la Notizia anche a Drive In

Gero Caldarelli non era nuovo a collaborazioni con Mediaset, infatti aveva già lavorato con Antonio Ricci ai tempi della fortunatissima trasmissione degli anni 80, Drive In nei panni di Gawronski e Pendulus. Nel 1990 fu scelto per interpretare i panni del Gabibbo e lo ha fatto egregiamente e con serietà. Nel 2003 pubblicò il suo libro più conosciuto, ‘Una vita da ripieno‘ (Cronache dall’interno del Gabibbo), poi recentemente ha scritto una raccolta di favole dal titolo ‘Belandi che storie! Tre mega avventure nel mondo dei besughi‘. Col Caldarelli se ne va una fetta di Striscia la Notizia, dopo quasi trent’anni di battaglie all’insegna della legalità e l’interesse dei cittadini. Per rimanere sempre aggiornati su questo argomento e su tutti gli articoli proposti da questo autore, lasciate un vostro like.