Alcool etilico: cosa è, come si produce e a cosa serve

 

L’alcool etilico è presente nelle nostre case e lo utilizziamo quotidianamente per igienizzare. Infatti esso “uccide i microorganismi denaturando le loro proteine e dissolvendo i loro lipidi”.

Questo prezioso liquido era già noto alle antiche civiltà e ai nostri progenitori. Infatti tutti i popoli dell’antichità hanno prodotto delle bevande fermentate; anche Romani e Greci producevano e consumavano volentieri il vino.

Cosa è l’alcool etilico

Si  tratta di un composto chimico, chiamato anche etanolo; la sua formula chimica è CH3H5OH. Ha l’aspetto di “un liquido incolore, di sapore bruciante, volatile, solubile in acqua”. E’ infiammabile e a contatto con l’aria, in particolari condizioni, può provocare esplosioni.

L’alcool rosa, di cui ci serviamo quotidianamente nelle nostre case, deriva dall’alcool etilico: è infatti denaturato; in quanto tale non può essere ingerito, in quanto è altamente tossico per l’organismo umano.

Come si produce l’alcool etilico

L’alcool etilico si può ottenere, artificialmente, in due modi: “per fermentazione e per sintesi”. Nella prima modalità esso si ricava dalla fermentazione di vegetali particolarmente ricchi di zuccheri (barbabietole da zucchero, canna da zucchero, frutta) o di amidi (patate, cereali); è possibile ricavarlo anche da elementi naturali ricchi di cellulosa, come il legno.

La seconda modalità quella per sintesi, richiede una lavorazione piuttosto complessa dell’acetilene ed e è caduto in disuso.

Gli usi di questa utile sostanza

L’alcool etilico, se è denaturato, è in primo luogo un disinfettante e un antisettico, come è risaputo. E’ anche l’ingrediente fondamentale di “unguenti e pomate” di uso medicinale.

E’ utilizzato anche nell’ambito della cosmesi e della preparazione dei profumi. Non a caso è presente in numerosi prodotti cosmetici, in quanto mantiene integre le loro proprietà.

E’ ovviamente fondamentale per la preparazione di bevande alcoliche, e in quanto alimento va introdotto con una certa cautela; infatti l’eccessiva introduzione di alcool nell’organismo può danneggiare il fegato e causare “intossicazioni croniche o acute”.

0 0 vote
Article Rating

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments