Violentano la figlia di 17 mesi: genitori condannati a 15 anni

Accade a Sydney, in Australia, dove entrambi i genitori di una bambina di appena 17 mesi sono stati accusati di violenza ai danni della piccola. Da quanto si apprende dalle prime ricostruzioni, i due era da mesi che compivano questi atti osceni. Incastrati da un video, hanno iniziato a parlare aiutando così gli inquirenti a salvare la bambina da una situazione spaventosa.

L’uomo, aiutato dalla complicità della moglie, violentava la bambina di 17 mesi all’interno della loro abitazione. Ad incastrare i genitori sarebbe stato un video che li raffigurava durante il terribile atto. Le immagini registrate sono state definite dagli inquirenti stessi come orribili. 

Sempre secondo quanto è trapelato da questa tristissima vicenza, i due soffrirebbero di problemi psichici. Per ora non è stata riscontrata alcuna perizia che dimostri questa loro malattia, ma è stata solo riportata dall’Indipendent.
Justin e Jessica Crandall, questi i nomi dei due genitori, hanno confessato gli atti commessi essendo stati messi alle strette. Ai due infatti, è stato mostrato il video che li incriminava, e che ha fatto così ottenere agli inquirenti la confessione.

Ora i coniugi Crandall sono stati arrestati, e sconteranno 15 anni di carcere per quanto hanno commesso. La giovanissima bambina invece, è stata affidata ai servizi sociali. Una storia che non trova alcuna consolazione e alcuna spiegazione di fronte ad atti così orribili e disumani.

#SalviamoElisa